Il Meteo Bollate
Prev. complete: clicca su Info

 

festa oasi 2012
Festa delle Oasi
20/05/12

Vedi qui

 

Festa dell'albero Festa dell'albero 
20/05/07

 

Visite all'oasiGiornata di visita all'oasi

 

La via Caloggio
La via Caloggio

 

Sentiero interno
Un sentiero nell'oasi

 

L'oasi vista da nord
L'oasi vista dal canale scolmatore a  nord. Al centro le chiome delle farnie, a destra i pioppi. 

 

Alberi e arbusti al Caloggio

 lavori e  osservazioni
Vedi sul blog

x
 

Visita UTE
x La Giornata delle oasi al Caloggio

x
Vi ricordiamo che l'oasi sempre accessibile liberamente  e che  la natura
bella in ogni stagione vi chiediamo solo di rispettarla
: grazie

a
Arrivando dal entiero delle sette cascate
L'Oasi da nord (sentiero delle 7 cascate).
Nuove piantumazioni in un prato umido.
Sullo sfondo svettano due farnie preesistenti.

L'Oasi del Punta sudCaloggio costituisce la punta sud del Parco Regionale delle Groane .
Dista una decina di km dal centro di Milano e tre dal centro fieristico di Rho.

Sembra incredibile, ma fino al 1993 la zona era assolutamente degradata : boschetti di robinie, orti abusivi e cumuli di rifiuti (vedi la nascita dell'oasi). Erano sopravvissuti all'incuria solo rari alberi di pregio, fra cui un paio di querce (farnie), che oggi, svettando maestose fra le altre chiome, sono le regine dell'oasi. Nella zona non mancano altre sorprese come alcuni grandi pioppi ibridi ai margini dell'oasi e lungo il Nirone.  

Oggi [scritto nel 2010] tutto cambiato. Il 1994 segna la data ufficiale di nascita dell'oasi , ma gi nella primavera dell'anno precedente, un gruppo di volontari ha cominciato a ripulire tutto, a piantare il primo gruppo di essenze autoctone (inverno 1993), per poi negli anni successivi curarne senza interruzione la crescita, sfalciare i prati, tracciare i sentieri e tenerli in ordine.

Si calcola che inizialmente siano state piantate un migliaio di alberelli e successivamente almento un centinaio all'anno, per un totale di circa tremila piante. Ogni anno da allora si ripete la festa dell'albero. Tutti possono partecipare. 

Ogni mese i volontari del WWF si ritrovano per piccoli lavori sulla base di un calendario stabilito annualmente (vedi il Calendario dei lavori e delle visite). Ci sono anche abitanti del posto che danno una mano. Le cure della vegetazione, d'intesa con le autorit del parco, si estendono oltre i confini dell'oasi. Un'ansa del fiume, costituita da un  prato umido (foto in alto a destra) sul sentiero 4, come un ex orto poco pi a nord, sul sentiero 5, sono due esempi di zone che non fanno parte dell'Oasi, comunque curate dai volontari. 

Nel tempo trascorso da allora, breve per la natura, lungo per l'impegno dei volontari, il luogo diventato irriconoscibile. 

Il bosco non certo ancora maturo, ma costituisce ormai un angolo di natura incantata da godere e da tramandare alle future generazioni. 

Un'altra zona adiacente dell'oasi, recintata e aperta solo in occasione degli appuntamenti mensili, normalmente inaccessibile al pubblico . La presenza di due risorgive rende l'ambiente piuttosto sensibile e delicato. L la natura fa il suo corso e si evolve quasi incontaminata: roba da non credere che possa accadere alle porte della metropoli lombarda.

Con questo sito vorremmo affinare le conoscenze sull'oasi (vedi Introduzione) e aiutare il visitatore a scoprire tutti i suoi segreti, a cominciare dagli alberi e dagli arbusti.

Per una guida alla visita vedi Percorsi.