>

SCHEDA SINTETICA

Altezza: 30-35 m

Portamento: albero di grandi dimensioni

Longevità: 200 - 300 anni

 

FOTO

aChioma invernale

 

aTronco

 

aFoglie

 

chioma
Chioma  estiva




 Fiore

 

 

Frutto

 

Acer pseudoplatanus

Acero di monte

Note

Ci sono diversi Aceri di monte al Caloggio, alcuni anche abbastanza sviluppati. Uno, segnalato con cartello, è in fondo al sentiero n.2. 
Alcuni segni fanno pensare che gli A di monte non trovino qui il loro ambiente ideale. Soffrirebbero di attacchi parassitari (verificare) e non si riproducono con facilità. 
A soli 15 km più a nord, all'altra estremità del Parco delle Groane, la situazione è ben diversa. Lì sono considerati da alcuni addirittura invasivi (per esempio a Lentate sul Seveso). La spiegazione sta probabilmente nella maggior piovosità, soprattuto in estate, di quella zona. Una maggior siccità estiva del Caloggio potrebbe essere il fattore limitante. 

Da osservare e documentare

  • corteccia nelle varie età
  • fiore
  • frutto
  • ciclo vegetativo
  • localizzazione

Tassonomia e denominazioni

Classe: Dicotyledones Ordine: Sapindales Famiglia: Aceraceae Genere: Acer Specie: Acer pseudoplatanus

Nomi alternativi : Italiano: Acero fico, Acero bianco, Sicomoro. 

Etimologia Acer dal latino "aspro". Psuedoplatanus perchè sia la foglia che la corteccia della pianta adulta assomigliano a quelle del Platano

apDescrizione

Portamento : tronco dritto, rami principali possenti, ampia chioma espansa verde scuro. Altezza fino a 30 m ed anche oltre.

 

Crescita e durata :  crescita rapida. É il più longevo fra gli aceri (200 - 300 anni).

 

Corteccia : grigia inizialmente liscia, a maturità forma delle placche che si distaccano, simili a quelle del platano ma non così ampie. 

 

Gemme:  gemme medio piccole (in genere < 5 mm a volte di poco superiori) opposte a due a due a formare un angolo di 90° fra loro, ovoidali, appuntite con 4 - 6 perule giallo - verdi glabre orlate di bruno. Gemme apicali più grandi affiancate da due laterali. 

 

Rametti: I rametti nuovi sono verdi, quelli di 2 - 3 anni rossastri con piccole lenticelle chiare allungate

 

Foglie : decidue palmate a 5 lobi, alcune a 3 lobi, con margine seghettato, lunghe fino a 15 (max 22) cm e picciolo di 6 - 15 cm. Il margine è grossolanamente dentato. Alcune foglie possono avere riflessi violacei. In autunno si ingialliscono.

 

Fiori : pianta monioca con infiorescenze a pannocchia verdastere pendule lunghe 10 - 20 cm

 

Frutti : disamare a v con angolo di circa 90°
 

Identificazione

Riconoscimento :  inconfondibile la foglia con nervatura fitta ed evidente nella pagina superiore e il margine molto seghettato

 

Specie simili : vagamente somigliante al platano

 

Distribuzione

Origine: Europa e Caucaso

 

Habitat: preferisce terreni freschi e i rilievi da 500 a 1500 m. Più raro in pianura.

 

Tipo corologico: 

 

Presenza

Utilizzi

Commestibilità

Impieghi del legno

Interesse medicinale :

Interesse ecologico :

molto utilizzato in viali, parchi e giardini. Sono state selezionate oltre 130 cultivar.

 

 

Ciclo vegetativo stagionale

  Ge1 Ge2 Fe1 Fe2 Ma1 Ma2 Ap1 Ap2 Ma1 Ma2 Gi1 Gi2 Lu1 Lu2 Ag1 Ag2 Se1 Se2 Ot1 Ot2 No1 No2 Di1 Di2
Foglie                    
Fiori                    
Frutti                    
Rica vuota
Fiori *

* Secondo le indicazioni di "Atlante della flora" di Luca Gariboldi edito dal Parco delle Groane

 

 

Immagini

acero di monte
Chioma di acero in veste autunnale

 

foglia
Foglia

 

tronco
L'acero segnalato sul sentiero 1, di fronte al ponticello in fondo a sinistra

 

fogliame
Fogliame

 

chioma
Chioma in veste estiva

 

foglie a terra
Foglie di acero di monte in autunno

 

corteccia
Corteccia di esemplare non propriamente giovane. Come si vede è piuttosto liscia e le placche non ci sono ancora. 

Links

5 - 53.000 - 9

Flore italiane

Flore locali

Curiosità

Flore estere