SCHEDA SINTETICA

Altezza: 2 m

Portamento: cespuglio

LongevitÓ:

 

FOTO

 

a
Foglia

 

a
Albero intero

 

a
Corteccia

 

a
Fiore

 

a
Frutto

 

 

Berberis vulgaris

Crespino

 

Note

La presenza di questa specie al Caloggio Ŕ incerta. Pertanto questa scheda Ŕ ridotta e priva di foto .
Per le immagini ricorri ai Link  a fondo pagina.

All'inizio erano stati piantati diversi esemplari lungo la siepe che costeggia il sentiero (S2) del Nirone. ╔ una specie che ha bisogno di molta luce e probabilmente per questo Ŕ sparita appena le altre piante hanno preso il sopravvento.
Non Ŕ certo per˛ che nell'oasi non ne sopravviva qualche esemplare. Vista l'incertezza lo teniamo in lista tra parentesi in attesa di sciogliere i dubbi.. 

Da osservare e documentare :

  • presenza 

 

Tassonomia e denominazioni

Classe: Dicotyledones Ordine: Ranunculales Famiglia: Berberidaceae Genere: Berberis Specie: Berberis vulgaris

Nomi alternativi :   

Etimologia :

 

x

Descrizione

Portamento:    arbusto cespuglioso con rami fin dal suolo. Chioma leggera e irregolare. Alto fino a 2, max 3 m

 

Crescita e durata: 

 

Corteccia: liscia color giallo ocra o bruno

 

Gemme: 

 

Foglie : alterne a froma di spatola ovoidale con breve picciolo. Il margine fortemente dentellato e leggermente spinoso. Spine alla base delle foglie lunghe 1 - 2 cm. In autunno le folgie diventano rosse. 

 

Fiori:  emanano odore forte non molto gradevole, a grappoli (racemi) pendenti di color giallo oro. 

 

Frutti : bacche allungate rosse e traslucide


Identificazione

Riconoscimento

 

Specie simili : esistono molte specie e varietÓ di Berberis utilizzate nei giardini. Alcune si distinguono per le foglie rosse.

 

Distribuzione

Origine

Habitat :  

Presenza :  

Tipo corologico

 

Utilizzi

CommestibilitÓ

Impieghi del legno

Interesse medicinale :

Interesse ecologico ospita facilmente un fungo detto "ruggine del grano". Per questo Ŕ stato combattuto dagli agricoltori che producono cereali e per questo Ŕ diventato poco frequente in Italia.   

Ciclo vegetativo stagionale

Dovrebbe fiorire da aprile a giungo

Osservazioni al Caloggio

  Ge1 Ge2 Fe1 Fe2 Ma1 Ma2 Ap1 Ap2 Ma1 Ma2 Gi1 Gi2 Lu1 Lu2 Ag1 Ag2 Se1 Se2 Ot1 Ot2 No1 No2 Di1 Di2
Foglie                    
Fiori                    
Frutti                    
Rica vuota
Fiori *

* Secondo indicazioni bibliografiche

Immagini

x

Non essendo stata individuata la specie al Caloggio, non sono nemmeno disponibili fotografie

Disegno tratto dal testo: FLORA ITALIANA ILLUSTRATA di Adriano Fiori : San Casciano Val di Pesa, 1921

Links

xx - 517.000 -  (solo prime 5 pagg)

Flore italiane

Flore locali

Flore estere